Confessare a Dio le nostre debolezze…. quanto ci costa!!!!

Papa Francesco ci esorta a non avere timore ed a confidare nella infinita misericordia e pazienza del Padre.

Ci costa ammettere le nostre colpe, ci costa dire al Ministro di Dio, uomo come noi, “ho sbagliato…sono colpevole… ho peccato. Padre perdonami”.
All’inizio della liturgia eucaristica il sacerdote ci invita a chiedere perdono dei nostri peccati (atto penitenziale).
L’atto penitenziale è guardarsi dentro con grande serenità e sincerità; riconoscere davanti a Dio i nostri peccati.
La “penitenziale” è la funzione liturgica che alla luce della Parola, la meditazione ed il silenzio ci dispone alla confessione personale, avendo preparato l’anima, il cuore e la mente.
Significa riconoscere che ho peccato per colpa mia…della mia incoerenza, della mia poca fede, nonostante i proponimenti.
Il silenzio ci invita ad ascoltare la voce della coscienza e la confessione ci aiuta a liberarci dal peso di comportamenti errati. Peccando ci siamo allontanati da Dio e dai fratelli.
Con la grazia del Sacramento il perdono del Padre ci fa rinascere.
Papa Francesco ripete con forza: “Dio non si stanca mai di perdonare”
Noi chiediamo ancora al padre: “Insegna anche a noi a perdonare”.

Susanna e Sergio

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: